Hellraiser

Hellraiser

9,00€
Non disponibile

Etichetta: Multivision
Codice articolo: vhos0113
Categoria: VHS » Film Horror
Caratteristiche
Anno: 1987
Regista/Autore: C. Barker
Tipologia: Ex Noleggio
Trama

Frank Cotton (Sean Chapman), uomo spregiudicato e dedito alla ricerca del piacere, riceve da una persona una strana scatola che potrà aprirgli dimensioni inimmaginabili del piacere. Ma la scatola nasconde un terribile segreto e Frank scompare. Tempo dopo, Larry, suo fratello (Andrew Robinson), va a vivere a casa di Frank con la moglie Julia (Clare Higgins) e la figlia Kirsty (Ashley Laurence). Julia non ama Larry e ha avuto una relazione con Frank. E Frank è ancora nella casa, nascosto in soffitta: sfuggito ai Supplizianti, creature sadiche che vivono nella dimensione aperta dalla scatola, non è ancora tornato in carne e ossa. Ci riesce quando Larry si ferisce accidentalmente e il suo sangue cola sul pavimento della soffitta. Ossa, muscoli e pelle di Frank si rigenerano: Julia lo vede e, seppur disgustata, accetta di aiutarlo e di portargli delle persone da uccidere, di cui nutrirsi. Significativo esordio nel lungometraggio dello scrittore horror Clive Barker (1952), che crea il capostipite di una lunga serie dedicata a sadici abitatori di una dimensione ultraterrena. La chiave di accesso a questa dimensione “altra” è una sorta di aggiornamento del cubo di Rubik, i cui incastri consentono di aprire la porta sull'ignoto. Da questo provengono esseri incredibili, i cosiddetti Supplizianti (Cenobiti nell'originale), che si autodefiniscono “esploratori di remote regioni dell'esperienza... per alcuni demoni, angeli per altri”. Come già Lovecraft, Barker vede gli abitanti del mondo delle tenebre come qualcosa di diverso e di incomprensibile su cui non è possibile esprimere giudizi. Vivono in un mondo che non ha punti di contatto con la nostra realtà e non sembrano intenzionati ad entrarvi a meno che non siano evocati per mezzo del cubo. L'incomprensibilità è assunta a elemento significante per relativizzare l'ottimistica visione di un universo regolato da leggi sicure e immutabili. Gli squarci aperti sull'altra dimensione non sono rassicuranti, immersi nelle tenebre di un dolore senza fine, ma coloro che vi dimorano non sembrano infelici di farlo. Il film non è esente da difetti: dopo una mezz'ora inquietante e impeccabile, l'interesse cala e si fa più scontato, reiterando immagini di omicidi prevedibili e semplificando un po' troppo le promettenti premesse. Il tema del connubio indissolubile tra dolore e piacere è meramente enunciato, invece di scaturire naturalmente dalla storia e dalle situazioni. Resta però l'atmosfera sporca e malata che rende il film così diverso da altri horror degli anni '80, spesso puliti e asettici. Buona la prova di Andrew Robinson. Positivo il riscontro commerciale: con un modesto budget di un milione di dollari, il film ne ottiene oltre 14 e mezzo lordi solo negli Stati Uniti. Il seguito è #Vedi#Helbound: Helraiser I – Prigionieri del'inferno

Chi ha comprato questo articolo ha comprato anche uno di questi
MissingVideo.com © 2021 - Realizzato da StudioWeb76.com